Con le imprese del territorio

61 miliardi di euro di valore aggiunto, 1,4 milioni di occupati, oltre 1 milione di imprese e 41 miliardi di euro di esportazioni. Tanto vale il comparto dell’agroalimentare made in Italy, secondo quanto certificato nel “Rapporto sulla competitività dell’agroalimentare italiano” dell’Ismea. Un patrimonio che, se pienamente valorizzato dentro e fuori i confini nazionali, è in grado di generare ricchezza e lavoro.

Promuovere quanto di meglio viene prodotto in Italia è parte della strategia d’impresa di Conad, che garantisce ai propri clienti il massimo della qualità e della sicurezza sostenendo, al contempo, le piccole e grandi aziende nazionali. Il rapporto che lega il Gruppo alle aziende produttrici varia a seconda del tipo di fornitura e può essere stipulato al livello sia nazionale, sia locale. Il Consorzio sigla contratti nazionali per la fornitura di prodotti di marca e della marca del distributore. Altissima la percentuale di imprese italiane, specie nell’ambito della Marca del distributore: a vestire la bandiera tricolore è circa il 90% dei 3.228 prodotti del brand.

Sono al 100% nazionali la filiera del latte e derivati, quella del pomodoro e degli altri vegetali in scatola e l’offerta di ortofrutta. Italiane sono anche le eccellenze della linea Sapori&Dintorni, che porta nella grande distribuzione il meglio dei prodotti tipici locali provenienti da piccole e grandi aziende regionali. Il 49% dei fornitori della Mdd lavora con Conad da più di 10 anni. Le cooperative gestiscono una serie di altri contratti con medi e piccoli fornitori di prodotti locali presenti nelle aree in cui operano.

FORNITORI LOCALI

In aggiunta ai contratti che il Consorzio stipula con le aziende fornitrici di prodotti di marca per l’intera rete di vendita, le singole cooperative attivano ogni anno in autonomia contratti di fornitura per la propria area di interesse. Nel 2018 sono state 6.368 le imprese che hanno avuto rapporti diretti con le cooperative, per un volume d’affari complessivo di 2,3 miliardi di euro. Con 2.525 fornitori, Pac 2000A è la cooperativa che conta il maggior numero di imprese locali, seguita da Conad Tirreno (1.225) e da Conad Adriatico (843). Attraverso i contratti locali, le cooperative offrono un’opportunità di sviluppo e di lavoro alle imprese del territorio, in linea con l’impegno di Conad a sostenere le comunità locali; una prassi che, nel contempo, risponde alla richiesta dei clienti di ampliare l’offerta di prodotti locali, particolarmente apprezzati.

SAPORI&DINTORNI PREMIA LE ECCELLENZE

Dalla coppa piacentina alle orecchiette pugliesi, dall’aceto balsamico di Modena ai pomodori Pachino Igp, dai limoni della costa d’Amalfi alle olive taggiasche, spaziando dall’ortofrutta alla pasta fresca, dai salumi e formaggi ai dolci tipici. Muoversi tra le specialità della linea Sapori&Dintorni è come fare un viaggio alla scoperta delle regioni italiane: con i suoi 318 prodotti la linea premium racchiude sotto un unico marchio il meglio della tradizione enogastronomica italiana. Per ogni regione Conad ha selezionato con cura le tipicità locali, scegliendo tra tanti piccoli produttori di qualità legati alla tradizione, che portano nei punti di vendita un pezzetto di storia del luogo di origine.

Un terzo delle referenze del brand è a denominazione di origine Dop e Igp. Il giro di affari della linea ha raggiunto nel 2018 i 338 milioni di euro, in crescita del 10,5% sull’anno precedente, il 9,5% del fatturato totale della marca Conad. A dimostrazione del fatto che sono sempre più numerosi i consumatori che riconoscono nel marchio blu e oro una risposta alla domanda di qualità e identità. Nelle occasioni pubbliche Sapori&Dintorni è il simbolo del sostegno di Conad alle eccellenze del made in Italy: i prodotti del brand si fanno ambasciatori delle regioni italiane in tutte le iniziative ufficiali del Gruppo, dal Grande Viaggio al Cous Cous Fest, a Umbria Jazz, oltre che in una molteplicità di eventi pubblici.

Conad ha inoltre creato una linea ad hoc per l’estero, Creazioni d’Italia, che viene distribuita attraverso la rete dei partner europei in Agecore. I prodotti raggiungono così la grande distribuzione all’estero e portano i sapori italiani sulle tavole di mezza Europa.

(fonte Annual report 2018)