CONAD ADRIATICO A UN SOFFIO DA LIDL ITALIA

03 dicembre 2019

Rapporti Qualità & Finanza

 

Il lusso gentile del brand Ferrari

 

La Ferrari (100) non vince più sui circuiti di Formula 1, ma è saldamente al comando nella classifica delle società con il più alto grado di soddisfazione dei dipendenti, almeno per quel che riguarda il settore automotive. La seconda posizione è occupata da un altro marchio del lusso italiano, Lamborghini (83,5), la cui proprietà è però da tempo nelle mani dei tedeschi di Volkswagen. La casa di Wolfsburg occupa anche la terza piazza con la Ducati Motor Holdings (83,1), anch’essa nel suo prestigioso portafoglio di marchi. Ci sono poi la giapponese Honda Italia Industriale (81,9) e le tedesche Bmw Italia (68,3) e Mercedes-Benz Italia (65,7), che staccano l’italiana Fca Italy (60,4). Fra i produttori di componentistica la spunta la Robert Bosch (100) su Norauto Italia (95,4) e Pirelli (92,5). Sempre nel campo dell’industria, ma questa volta meccanica, il vincitore è Umbragroup (100), che riesce a lasciarsi dietro Still Spa (Om carrelli elevatori), che ottiene 99,9 punti, e Jungheinrich Italiana (94,9). Mentre nel campo della chimica il miglior posto di lavoro è la tedesca Henkel Italia Operations (100), seguita dall’italiana Mapei (88,2). È una sfida Italia-Germania anche nel campo della grande distribuzione dove Lidl Italia (100) ha la meglio per un soffio su Conad Adriatico (99,3). E la stessa situazione si ripete, ma a parti invertite, nel campo del “retail abbigliamento e calzature”, dove Cisalfa Sport (100) e Piazza Italia (91,5) si lasciano dietro la tedesca Adidas Italy (89,8). Il dominio tricolore è invece assoluto nel settore dell’industria alimentare e questo non sorprende vista la forza del Belpaese in questo campo: il numero uno è Barilla (100), con alle spalle Conserve Italia Società Cooperativa Agricola (80,8) e Fratelli Saclà (78). Per quel che riguarda invece l’industria dolciaria si registra lo strapotere della Ferrero (100). Anche nell’industria del lusso l’Italia fa sentire tutto il proprio peso. Vince la Dolce e Gabbana (100), davanti a Giorgio Armani (90,1) e Gucci (73). Vanno infine segnalati i successi di Brico Io (100) e Leroy Merlin Italia (98,4) nel campo del “retail casa e bricolage” e di Apple Retail Italia (100) e Mediamarket (61,7) in quello del “retail elettronica”.