Conad Adriatico, crescita continua su tutti i fronti

18 luglio 2019

La cooperativa ha archiviato il 2018 incrementando del 15,5% il giro d'affari - migliore performance

in ambito Conad - salito a 1,2 miliardi di euro. Confermato il piano di sviluppo al 2021, che prevede

investimenti pari a 78,6 milioni di euro.

Conad Adriatico hamandato in archivio i un 2018 difficile per la G d o con una crescita a doppia cifra (+15,5%)

del fatturato, attestatosi a 1,2 miliardi di euro, con un patrimonio netto consolidato di 176,5 milioni di euro, contro i 162,2 dell'anno precedente, a conferma della solidità economica del gruppo. Il retailer è leader nella propria area di diffusione con il 14,2% di market share, contro il 13,3% del 2017 (fonte Gnlc, 11° semestre 2018). La cooperativa si rafforza in tutte le regioni in cui opera, confermandosi leader di mercato in Abruzzo con una quota del 27,5% e in Molise (22,7%), mentre

ha chiuso il 2018 in quinta posizione in Puglia (9,7%), e in settima nelle

Marche (7%) e in Basilicata (5,7%).

"Siamo la cooperativa che è cresciuta di più in valore assoluto all'interno di Conad - afferma Antonio Di

Ferdinando, Direttore Generale di Conad Adriatico - e siamo cresciuti anche a rete omogenea (+0,75%)

in un'Area 4 in flessione (-0,56%). Il che significa essere sempre più riconosciuti in termini di fiducia dei

nostri clienti e di coinvolgimento laddove operiamo.

Sono convinto che nei territori che presidiamo si potrà uscire dalla crisi creando occupazione e quindi più opportunità di spendere.

Il reddito di cittadinanza non è una soluzione: occorre dare incentivi alle imprese perché investano al Sud e

ripensare la cultura del sostegno del Mezzogiorno". Conad Adriatico proseguirà nell'attuazione del piano di sviluppo

2018-2021, per il quale sono stati stanziati investimenti pari a 78,6 milioni di euro. Uno sforzo destinato a nuove aperture, ristrutturazioni dei punti vendita, adeguamenti della struttura informatica, servizi ai clienti e interventi in ambito ambientale

 

 

Una rete multicanale A fine 2018 la rete commerciale della cooperativa era dunque composta da 410 punti vendita (7 Ipermercati, 20 Superstore, 158 Conad, 118 Conad City, 32 Margherita, 57 Todis e 18 L'Alimentare), ubicati sulla dorsale

adriatica: nelle Marche (44), in Abruzzo (140), Molise (18), Basilicata (7) e Puglia (164), oltre ai 41 negozi in Albania e Kosovo. Ad essi vanno aggiunti tre distributori di carburanti, 4 Ottico, 12 parafarmacie, 6 self-service 24 su 24 Conad e un PetStore. Conad Adriatico conta 259 soci imprenditori e 5.792 collaboratori tra sede centrale e rete vendita (617 in più rispetto al 2017).

"Il risultato che abbiamo ottenuto in un anno difficile per l'economia e le famiglie - sottolinea Di Ferdinando - conferma le buone potenzialità di investimento e la validità del nostro modello imprenditoriale, in una fase in cui quello centralizzato è in forte difficoltà. Cresciamo su solide basi e con buone prospettive di sviluppo. I punti vendita Finiper, oggetto dell'operazione conclusa a fine 2018, rappresentano una buona occasione per valorizzare la presenza di Conad Adriatico nella provincia di Macerata e in Abruzzo, garantendo ai soci una crescita imprenditoriale anche nel format ipermercato e ai piccoli produttori locali uno sbocco nei mercati della grande distribuzione". Attraverso interventi mirati su assortimenti e servizi, lo scorso anno la cooperativa ha assicurato ai clienti un risparmio calcolato nell'ordine di 22,5 milioni di euro. E confermando uno stretto rapporto che la lega a 843 produttori locali, Conad Adriatico ha sviluppato con loro un fatturato di 271,5 milioni di euro.

 

Tratto da: FOOD Luglio-Agosto 2019